david-troeger-i3lmajjcp-o-unsplash
5327-david-troeger-i3lmajjcp-o-unsplash
Diamo la parola
alla musica

Diamo la parola

alla musica


facebook
twitter
instagram

per contattarci scrivi a

blog@hildegardmusicassociation.com

Quest'opera è distribuita

con Licenza Creative Commons

Attribuzione 4.0 Internazionale.​

88x31
il blog dell'Associazione musicale Hildegard

facebook
twitter
instagram

A cena sulle stelle con Piero Ciampi

29/06/2022 15:05

Ilaria Barontini

Popular music, Musica e poesia, Storia della canzone italiana, Piero Ciampi,

A cena sulle stelle con Piero Ciampi

"Prima o poi inciampi in Ciampi", come pare abbia detto Paolo Conte. Un inciampo felice anche quando i contenuti dei brani sono tragici come in "Sporca estate".

"Prima o poi inciampi in Ciampi", come pare abbia detto Paolo Conte. Frase riuscitissima, non solo per il gioco di parole: a Ciampi piacerebbe l'incontro visto come "inciampo" ("nomen omen", quindi). Aggiungo che è un inciampo felice, anche quando i contenuti testuali dei brani sono tragici.

Un'uscita recentissima testimonia che l’incontro artistico con Ciampi è, anche ai giorni nostri, felice e costruttivo: il CD Piero è passato di qui di Alessia Arena, voce, e Chiara Riondino, voce e chitarra (2022, Materiali Sonori) (1). Le nuove versioni testimoniano la capacità di non invecchiare delle sue canzoni, delle sue poesie, dei suoi pensieri… del loro funzionare anche senza l'inconfondibile voce e la trascinante interpretazione del cantautore, di quanto il suo sguardo, ironico e appassionato al tempo stesso, sia ancora necessario e vivo. Come osserva Enrico De Angelis in seconda di copertina del CD, "grazie anche a nuovi ottimi arrangiamenti, [le due interpreti] ne hanno rispettato lo spirito senza minimamente ripeterlo, senza clonarlo, come spesso invece si fa non riuscendo a opporsi alla sua prepotente personalità".

 

Ecco una mia personale lettura della canzone Sporca estate. Il brano si trova in apertura dell'album Piero Ciampi (1971, RCA, Roma); gli autori sono Ciampi e Gianni Marchetti, pianista, che è anche l'arrangiatore e il produttore del disco. In seconda di copertina è riprodotto lo spartito autografo del brano, firmato da Gianni Marchetti.

Avrebbe potuto anche intitolarsi "Figli", ma funziona meglio com'è… il titolo incuriosisce, è ossimorico e anticonformista come la stessa canzone e la sua interpretazione. Per l'estate erano state scritte una marea di canzoni vacanziere e spensierate; fuori dal coro era già emersa Estate di Bruno Martino (2), meravigliosa, con l'indimenticabile e paradossale espressione "Odio l'estate", ma la Sporca estate di Ciampi si muove in tutt’altra direzione.

 

Quel "Figli" iniziale, non rivelato da un titolo, risulta più imprevisto e colpisce anche per il registro, piuttosto acuto per essere un incipit vocale e per essere cantato da Ciampi, che solitamente si muove in tessiture medie o medio-gravi. Questa scelta ricrea in modo efficace ciò che facciamo abitualmente mentre parliamo, cioè spingere la voce più del solito nel registro acuto nel tentare di attirare l'attenzione di qualcuno che stiamo chiamando. Ascoltata oggi, a distanza di tempo, sembra rivolta a noi. Noi livornesi "presi" dalla musica è un po' come se fossimo suoi figli… ma l’invocazione vale anche per tutti gli estimatori del cantautore tra i meno inquadrati e più imprevedibili del mondo e della storia, per chiunque si emozioni ascoltando il brano, e per tutta l’umanità, come esplicitato da Ciampi nell’introdurre la canzone in un live per la Rai (dal programma Piero Ciampi, no! di Ciampi e Marchetti, registrato nel 1977 e trasmesso nell'agosto 1978 sulla Rete Due).

 

"Figli, vi porterei a cena sulle stelle, ma non ci siete"… Ciampi usa l'espressione "a cena sulle stelle" anche in un'altra occasione, nei versi "Il poeta/ è un'elegantissima anima/ che va a cena/ sulle stelle", per indicare metaforicamente la condizione privilegiata di un'anima nobile. Aveva girato parecchio, Piero Litaliano, ma l'enfasi sull'andare "a cena", l'immagine "vi porterei a cena sulle stelle", visionaria e iperbolica, parte da un gusto, una pulsione fortemente livornese. È chiaro che per chiunque l'idea "ti porto a cena!" è qualcosa di affettuoso, di dedicato… ma a Livorno, per giunta detto da un padre a dei figli, si carica di un investimento emotivo maggiore. E lo "scuorno", la beffa del destino (un destino "spregioso", per usare un termine molto diffuso nella parlata livornese) è il "ma non ci siete", che viene ripetuto, quasi a cercare di toccare il fondo, di crogiolarsi nella sofferenza per esprimerla appieno. Questo sfogo solitario, questa impossibilità dichiarata e ribadita viene anticipata dal modo condizionale del verbo ("vi porterei") ed enfatizzata per contrasto dall'atmosfera da sogno del valzer. La musica dà man forte al testo, rincara la dose e sembra dire che in un mondo ideale in cui tutto andasse come dovrebbe, il mondo dei desideri, sareste insieme e già a cena sulle stelle, tu e i tuoi figli.

 

La dicotomia tra realtà e sogno si riflette con forza ed efficacia nella netta divisione del brano in due parti completamente divergenti.

La prima parte è fatta di brevi incisi, parole o frasi interrotte da pause ed è caratterizzata da frequenti cambi di tessitura. Questo sembra descrivere la situazione reale: l'uomo è lontano dai suoi figli e il mondo è tutto sbagliato. Per esprimere il suo sentire, ripensare alla sua vita, spiegarsi e difendersi dalle accuse di una persona presente, una ex, sono usati termini forti ("rimorchiare", "rimorchiato", "scaricato") e l’imprecazione "sporca estate" (intercalare che diventa titolo). L’estate è l’unica entità contro cui inveire, in un'autoanalisi che ci rivela affettivamente votati al fallimento.

 

"Tu" è pronome personale caro al cantautore, il suo maggior successo è forse proprio Tu no, ultima traccia dell'album Piero Ciampi.

Sia in questo brano che in Sporca estate, "tu" è riferito a una persona amata, in modo travagliato, nel passato o nel presente. "È difficile capirsi", canta Ciampi in un punto cruciale di Tu no, in cui la ripetizione dei due monosillabi suona come un’implorazione, un perentorio chiedere aiuto all'altra persona, per non perdersi a vicenda, per non perdere quella che sembra l'ultima possibile ancora di salvezza e per non perdere del tutto noi stessi… Le frasi musicali e testuali sono aperte dal "tu no" intonato su note che discendono per grado ad ogni anafora: il tono si placa a poco a poco e passa da un impulso concitato a un implorare sommesso, per poi riprendere daccapo. Mai un cambio di tonalità e la riproposizione "un po' più su" di un materiale motivico è stato più funzionale in una canzone.

In Sporca estate curiosamente resta vago proprio il "tu", l’unica persona che immaginiamo presente ad un reale dialogo. Le altre due entità sono invece definite, ma in un dialogo che resta irreale: i "figli", invocati con enfasi piena di amore non espresso, sono persone lontane; la "sporca estate" non si cura certo delle sofferenze umane, al pari della leopardiana "natura matrigna".

 

L'estate è l'unica interlocutrice con cui sfogarsi, perché vista come complice di tutti i mali presenti e passati; rappresenta una metafora dell'incomunicabilità e, per questi motivi, l'imprecazione all'estate non poteva non essere il titolo. Anni dopo si è proseguito in questa direzione, ad esempio con Luna di Loredana Berté (3), uno dei brani più rock mai presentati al Festival di Sanremo, ma al tempo di Ciampi questa scelta, come anche il testo e l'interpretazione (intensa, espressiva e caratterizzata da un'emissione vocale "sporca" come l'estate), doveva risultare particolarmente coraggiosa, e lo è ancora. È da notare il contrasto tra struttura formale, chiara e ben definita, e interpretazione: quest’ultima risulta imprevedibile, dalla scansione ritmica mai scontata o regolare, e timbricamente fuori dagli schemi. 

 

La seconda parte, in tempo di valzer, presenta invece frasi musicali più ampie, un andamento melodico più disteso e tradizionale, con progressioni… e l'amarezza del "ma non ci siete" non impedisce di realizzare almeno nella musica questo desiderio, in linea con la mente e l'animo dell'io narrante, che non rinuncia a lasciarsi cullare dall'immagine suggerita da quel suo invito irrealizzabile, con una malinconia giunta ormai alle stelle.

Mentre viene ascoltato, il reo confesso, il visionario che si è disvelato nel testo, realizza il suo proposito e ci porta a cena sulle stelle, il valzer delle malinconie di ognuno di noi "figli" viene danzato a tempo con lui, che ci guida, ci rappresenta, ci strazia e ci consola di tutti i nostri personali fallimenti a cui potremmo disgraziatamente ripensare in una sporca estate.

 

Ilaria Barontini

(1) Il progetto si avvale della Direzione artistica del Premio Ciampi e del patrocinio del Comune di Livorno. Ecco gli altri musicisti, cui va un plauso per le loro performance originali, versatili e convincenti: Franco Fabbrini, basso elettrico, basso acustico, contrabbasso; Valerio Perla, percussioni; Diego Perugini, chitarre; Luca Ravagni: tastiere e sax soprano. Il mix è di Andrea Bertini, il mastering di Andrea Bertini e Andrea Pellegrini, i disegni di Marco Milanesi. È stato registrato presso "La corte degli accorti" e "Musictrabe", Castelnuovo d'Elsa e Barberino d'Elsa, nel giugno-luglio 2021; 2022, Materiali Sonori - info@matson.it

 

(2) Estate (musica di Bruno Martino, testo di Bruno Brighetti) uscì come singolo nel 1960, originariamente con il titolo "Odio l'estate". Diventerà un celebre standard jazz, con un successo internazionale e un numero impressionante di cover. Il rovesciamento dell'immagine estiva più consolidata, che ci vorrebbe soprattutto dediti al relax e al divertimento, in favore di un'introspezione profonda e malinconica, prosegue in un altro singolo del 1965, ugualmente meraviglioso: E la chiamano estate (musica di Bruno Martino, testo di Franco Califano e Laura Zanin).


(3) Luna (1997, di Loredana Berté e Fabrizio Piccoli), pubblicata nell'album Un pettirosso da combattimento (Farita, Sony), ha un inizio forte ("Vaffanculo luna"), nel '97, come nel '71 l'inizio del brano di Ciampi. Mentre Sporca estate è incentrata sul senso di mancanza dei figli, per la Berté Luna scaturisce dal dolore per la perdita della sorella Mimì; da qui l’imprecazione iniziale, che per il palco di Sanremo venne sostituita con “Occhiali neri, luna”. Prima di lei al Festival si era avvicinato a quell’invettiva solo Alberto Sordi, con un registro ironico-allusivo e intenti comici, quando, come ospite, presentò E va'… e va'… (1981, musica di Claudio Mattone e testo di Franco Migliacci). In un'edizione in cui non tutti andavano in finale, Luna di Loredana Berté ci riuscì e si classificò ultima, in modo decisamente rock.

La cantautrice sceglie spesso brani che comprendono, fin nel titolo, la stessa parola, "luna", e che lasceranno il segno, un po' come avviene a Bruno Martino con l'estate. …E la luna bussò (musica di Mario Lavezzi, testo di Daniele Pace e Oscar Avogadro), brano d'apertura dell'album Bandaberté (1979, CGD, certificato come "disco d'oro" per il numero di copie vendute), uscito anche come singolo. Maledetto luna-park, brano incluso nell'album LiBerté, (2018, Warner) e singolo, non parla della luna, ma di un luogo che contiene la parola quasi a volerne carpire il fascino, di quel "maledetto" luogo (il "parco della luna") in cui si va per dimenticare un mondo carico di delusioni da cui è invece impossibile fuggire. Tutti brani che partono dall'aura incantatrice che l'immagine della luna evoca, ma arrivano a descrivere temi complessi, drammatici, e stati d'animo controversi, fino alla depressione. Li aveva prefigurati il testo di Sei bellissima, scritto da Loredana stessa (il singolo esce nel 1975, per la CGD, con musica di Gian Pietro Felisatti e testo ufficialmente di Claudio Daiano, ma in seguito riconsegnato alla sua autrice), nel passaggio "quando ambiziosa come nessuna/ mi specchiavo nella luna"… La metafora descrive a meraviglia la smisurata ambizione che la protagonista riconosce in se stessa di un tempo passato.

home

Mia Martini, Minuetto. Un’analisi appassionata
Popular music, Storia della canzone italiana, Mia Martini, Giorgio Gaber, Franco Califano, Festivalbar,

Mia Martini, Minuetto. Un’analisi appassionata

Ilaria Barontini

19/11/2023 18:02

A cinquant'anni dall'uscita, riascoltiamo Mia Martini in "Minuetto" (Baldan Bembo-Califano), dalla scrittura musicale e testuale potente e evocativa.

Sigle di anime e altre musiche: ricordi di chi è (stato) bambino sul serio
Popular music, Sigle dei cartoni animati,

Sigle di anime e altre musiche: ricordi di chi è (stato) bambino sul serio

Ilaria Barontini

15/11/2022 19:02

Tra la seconda parte degli anni '70 e la metà degli '80 ce li chiamavano ancora "cartoni animati". Ma c'era di mezzo il computer (in modi d'epoca! Olt

A cena sulle stelle con Piero Ciampi
Popular music, Musica e poesia, Storia della canzone italiana, Piero Ciampi,

A cena sulle stelle con Piero Ciampi

Ilaria Barontini

29/06/2022 15:05

"Prima o poi inciampi in Ciampi", come pare abbia detto Paolo Conte. Un inciampo felice anche quando i contenuti dei brani sono tragici come in "Sporca estate".

L’essenzialità come poetica di contrasti ne “La Courte Paille” di Francis Poulenc
Novecento, Musica della contemporaneità, Novecento francese, Francis Poulenc,

L’essenzialità come poetica di contrasti ne “La Courte Paille” di Francis Poulenc

Caterina Barontini

13/04/2022 14:53

Dall'ascolto de "La Courte Paille" scopriamo che la sensibilità di Poulenc vibra nel contrasto tra stravaganza e malinconia. Antitesi che si risolve nell’anima.

Pasolini e il “dolce ardore” della musica
Novecento, Musica e poesia, Musica e letteratura, Pier Paolo Pasolini, Musica e cinema,

Pasolini e il “dolce ardore” della musica

Albarosa Lenzi

07/03/2022 21:11

Un ricordo di Pasolini con il focus sul suo amore per la musica, raccontato dai suoi scritti, dalle colonne sonore dei suoi film e dai suoi testi di canzoni.

“Virale”: una canzone attuale
Popular music, Storia della canzone italiana, Sanremo, Matteo Romano,

“Virale”: una canzone attuale

Ilaria Barontini

13/02/2022 16:29

Un'analisi di Virale, cantata da Matteo Romano al 72° Festival di Sanremo, che tratta un argomento chiave del nostro tempo: la dipendenza da relazioni virtuali.

Mahmood e il colore dei soldi
Popular music, Storia della canzone italiana, Sanremo, Eurovision Song Contest, Mahmood,

Mahmood e il colore dei soldi

Ilaria Barontini

29/01/2022 17:48

Mahmood in "Soldi" rimarca la negatività alienante dell'ossessione per i beni materiali, con stile e forma ibridi e con l'ampia gamma espressiva della sua voce.

Bruno Maderna e il mistero della morte
Novecento, Musica della contemporaneità, Avanguardie musicali, Novecento italiano, Bruno Maderna,

Bruno Maderna e il mistero della morte

Caterina Barontini

22/01/2022 16:56

Composizione n. 2 di Maderna è una riflessione contemporanea sul mistero della morte che scaturisce dalla rielaborazione dell'Epitaffio di Sicilo.

Mario Castelnuovo-Tedesco. Quando la musica diventa poesia
Novecento, Musica della contemporaneità, Musica e poesia, Musica e letteratura, Novecento italiano, Mario Castelnuovo-Tedesco,

Mario Castelnuovo-Tedesco. Quando la musica diventa poesia

Caterina Barontini

31/12/2021 15:18

L'itinerario creativo di Mario Castelnuovo-Tedesco dà voce ad un umanesimo moderno che si radica nell'affinità spirituale con letterati e poeti tra cui Dante.

Novecento, Ottorino Respighi, Generazione della svolta, Novecento italiano,

Visioni dell’arte musicale dalla “generazione della svolta”. Respighi

Caterina Barontini

13/11/2021 14:48

All'interno della “generazione dell’Ottanta", Respighi mira a coniugare la ricerca di nuovi colori orchestrali alla riscoperta di valori musicali del passato...

La canzone italiana degli anni Sessanta tra strade già percorse e nuove possibilità espressive: riflessioni sul troncamento vocalico
Novecento, Popular music, Storia della canzone italiana,

La canzone italiana degli anni Sessanta tra strade già percorse e nuove possibilità espressive: riflessioni

Ilaria Barontini

03/10/2021 15:50

Il troncamento vocalico è un elemento rilevante nel rapporto tra testo e musica; ecco perché la sua scomparsa ha aperto nuove strade alla canzone italiana.

Dutilleux. Forgiare suoni con lo slancio di un sogno
Novecento, Musica della contemporaneità, Tempo e musica, Novecento francese, Henri Dutilleux,

Dutilleux. Forgiare suoni con lo slancio di un sogno

Caterina Barontini

26/07/2021 20:03

Ultimo depositario del Novecento francese, è il padre di una musica astratta imbevuta della visionarietà di chi cerca una simbiosi tra musica, arte e cultura.

Il sax di Pedro Iturralde: una voce per unire i popoli
Novecento, Musica della contemporaneità, Sax, Pedro Iturralde, Compositori spagnoli,

Il sax di Pedro Iturralde: una voce per unire i popoli

Caterina Barontini

22/04/2021 12:59

Ascoltando Iturralde percepiamo il suo desiderio e bisogno di fare musica per unire culture e tradizioni, sempre in sintonia profonda con il timbro del sax.

Alexander Arutiunian. Dalle radici armene, l'universale in musica
Novecento, Musica della contemporaneità, Alexander Arutiunian, Compositori armeni,

Alexander Arutiunian. Dalle radici armene, l'universale in musica

Caterina Barontini

14/03/2021 16:41

La musica di Alexander Arutiunian (1920-2012) fonde il patrimonio armeno, colto e popolare, con la tradizione romantica russa di Tchaikovsky e Rimsky-Korsakov.

Marcel Bitsch tra sogno e ironia
Novecento, Musica della contemporaneità, Marcel Bitsch, Novecento francese,

Marcel Bitsch tra sogno e ironia

Caterina Barontini

07/03/2021 14:11

Marcel Bitsch (1921-2011) dà una voce contemporanea ai paradossi dell'esistenza con una sensibilità originale che si ispira a Bach, ai romantici e a Stravinsky.

Mango. Dalla voce in poi
Popular music, Pino Mango, Storia della canzone italiana,

Mango. Dalla voce in poi

Ilaria Barontini

28/02/2021 14:39

Raffinatezza + spontaneità = innovazione. Equazione che ritroviamo nella voce di Mango, nell'album "Adesso", in "Dal cuore in poi": uno zoom appassionato.

Musica della contemporaneità, Tango, Folclore argentino, Opera lirica,

Tango all'Opera

Albarosa Lenzi

07/02/2021 13:42

"Tango all'Opera" di Roberto Molinelli, nuova release ora online, è la fusione creativa dell'opera lirica e del folclore argentino. Anna Serova e i Tango Sonos!

Intorno ai messaggi di Schubert
Ottocento, Romanticismo, Franz Schubert, Liederistica,

Intorno ai messaggi di Schubert

Caterina Barontini

31/01/2021 14:16

La musica di Schubert è specchio di un pensiero limpido e incisivo che nei Lieder sgorga spontaneamente dalla parola e nella musica strumentale è poesia sonora.

Il direttore per antonomasia: Arturo Toscanini
Tra Otto e Novecento, Direzione d'orchestra, Arturo Toscanini,

Il direttore per antonomasia: Arturo Toscanini

Caterina Barontini

16/01/2021 22:10

Direttore d'orchestra? Per essere al servizio della partitura. Alcune note su questa figura professionale, ricordando Toscanini nell'anniversario della morte.

“Lei verrà” e “Mia madre”: riflessioni sulle musiche di Mango con le parole di Alberto Salerno
Popular music, Pino Mango, Alberto Salerno, Storia della canzone italiana,

“Lei verrà” e “Mia madre”: riflessioni sulle musiche di Mango con le parole di Alberto Salerno

Ilaria Barontini

09/01/2021 16:12

La collaborazione tra Alberto Salerno e il grande cantautore Mango ha dato alla luce canzoni di una bellezza fuori dal tempo, come “Lei verrà” e “Mia madre”.

Preludio programmatico

di Caterina Barontini – 22/11/2020

Diamo la parola alla musica! In tutti i sensi: vogliamo che questo blog sia uno spazio di ascolto musicale e allo stesso tempo di esplorazione guidata dentro la musica, per aiutare chiunque passi di qua a captare i messaggi nascosti "fra i righi" del pentagramma. Perché questo spazio? Perché la musica ha bisogno di parole, oggi più che mai, per poterci parlare con tutta la sua forza?