david-troeger-i3lmajjcp-o-unsplash
5327-david-troeger-i3lmajjcp-o-unsplash
Diamo la parola
alla musica

Diamo la parola

alla musica


facebook
twitter
instagram

per contattarci scrivi a

blog@hildegardmusicassociation.com

Quest'opera è distribuita

con Licenza Creative Commons

Attribuzione 4.0 Internazionale.​

88x31
il blog dell'Associazione musicale Hildegard

facebook
twitter
instagram

Il direttore per antonomasia: Arturo Toscanini

16/01/2021 22:10

Caterina Barontini

Tra Otto e Novecento, Direzione d'orchestra, Arturo Toscanini,

Il direttore per antonomasia: Arturo Toscanini

Direttore d'orchestra? Per essere al servizio della partitura. Alcune note su questa figura professionale, ricordando Toscanini nell'anniversario della morte.

Forse tutti noi almeno una volta nella vita ci siamo chiesti "a che cosa serve il direttore d'orchestra?". Questa domanda è una tappa inesorabile... prima o poi, che siamo musicisti o no, che siamo in teatro, in salotto, con gli auricolari, non importa: un giorno nella mente compare quell'interrogativo – "cosa ci fa quello lì con la bacchetta, stai a vedere che gli orchestrali suonerebbero bene lo stesso" – e da allora c'è, può sprofondare nell'incanto dell'ascolto o riemergere in varie forme, ma resta finché non ci rivolgiamo a qualcuno che ce lo possa spiegare o non lo intuiamo da soli. Questo articolo intende togliere ogni dubbio e ricordare Arturo Toscanini in occasione dell'anniversario della sua morte.

 

Un punto che vorrei evidenziare in prima battuta (per l'appunto) è che il direttore d'orchestra non è stato da sempre necessario. Il bisogno di una figura professionale dedita allo stacco dei tempi (la scelta della velocità iniziale), all'interpretazione agogica e dinamica e alla conduzione del fraseggio è sorto solo agli inizi dell'Ottocento. Nel Sei-Settecento, il compito di guidare e coordinare l'insieme era affidato al continuista (colui che al liuto, all'organo o al clavicembalo realizzava il tessuto armonico, tramite accordi e voci secondarie di collegamento, basandosi sulle sigle numeriche segnate sotto alla linea di basso, secondo la pratica di scrittura detta del basso continuo), al primo violino oppure allo strumento solista, a seconda del tipo di repertorio.

Soltanto con lo sviluppo della sensibilità musicale romantica si è visto l'allargamento delle formazioni orchestrali e la diffusione in partitura di indicazioni "in corso d'opera" (modifiche graduali della dinamica e della velocità): per questi motivi la prassi preesistente divenne poco efficace e si diffuse quella per cui un altro musicista, al di fuori del gruppo orchestrale e in piedi di fronte ad esso, doveva condurre l'insieme.

Interessante notare che la crescita della massa orchestrale e l'aumento di indicazioni dinamiche e agogiche sono solo elementi contestuali, punte dell'iceberg: la concezione romantica ha valorizzato l'interpretazione come fattore chiave del momento artistico o musicale. Intendo dire che non serviva soltanto una persona in grado di dare gli attacchi agli strumentisti, ma anche di gestire l'insieme assicurando un approccio interpretativo unitario e coerente, senza arbitrarietà ma a servizio del pensiero del compositore. Così, in area tedesca e poi francese e italiana, nacque la figura del direttore d'orchestra, anche se non si trattava ancora di una professione a sé stante: di solito era il compositore, appunto, a dirigere i propri brani.

 

Arturo Toscanini (Parma, 25 marzo 1867 - New York, 16 gennaio 1957) ha dato al ruolo del direttore d'orchestra una visibilità dapprima inesistente. Ritenuto uno dei più autorevoli interpreti di Beethoven, Verdi, Puccini, Brahms e Wagner, è stato tra i primi direttori a mettere al centro la partitura, ridimensionando le arbitrarietà dei solisti e mettendo a tacere i capricci del pubblico (addirittura negava sempre i bis). In campo operistico, ricercava l'unità tra tutte le parti dello spettacolo: cantanti, orchestra, coro, messa in scena, illuminazione... tutto, perfino i costumi, doveva essere un insieme organico sotto la sua guida.

 

Le sue interpretazioni sono contraddistinte da un'incredibile ricerca di coesione e da una grande tensione verso una resa limpida ed esatta del pensiero musicale, attraverso scelte nitide e icastiche che non lasciano spazio a effetti sonori superflui e sventano il rischio di momenti statici o languidi.

 

La sua eccezionale memoria visiva gli consentiva di avere l'abitudine di dirigere senza partitura

 

A lui si devono 25 prime assolute di opere liriche del suo tempo, che dimostrano l'attenzione alla contemporaneità: da ricordare Pagliacci di Leoncavallo e capolavori di Puccini come Bohème, Fanciulla del West, Turandot...

Fu il primo a portare in Italia Gershwin; fu il primo direttore non tedesco ad esibirsi al teatro di Bayreuth.

 

Si deve a Toscanini una grande riforma del Teatro alla Scala (teatro che diresse a più riprese nella sua vita): a partire dal 1901 monitorò la realizzazione di un'illuminazione scenica all'avanguardia e la costruzione di una buca d'orchestra, chiese sempre di abbassare le luci in sala durante le rappresentazioni e fu intransigente con i ritardatari. Dal 1937 al 1954, invece, diresse stabilmente la NBC Symphony Orchestra, che fu creata appositamente per lui.

 

Oggi un direttore impositivo e severo come Toscanini non sarebbe tollerato; siamo consapevoli che le orchestre hanno bisogno di un pacificatore più che di un comandante. Le asperità del suo carattere, autoritario e intransigente, lo renderebbero inammissibile. Oggi un direttore per avere un futuro deve assicurarsi un buon gradimento delle formazioni orchestrali più che dimostrare sensibilità e talento... da un estremo a un altro!

 

Sorridiamoci su con la Rhapsody in Blue

 

Caterina Barontini

home

Mia Martini, Minuetto. Un’analisi appassionata
Popular music, Storia della canzone italiana, Mia Martini, Giorgio Gaber, Franco Califano, Festivalbar,

Mia Martini, Minuetto. Un’analisi appassionata

Ilaria Barontini

19/11/2023 18:02

A cinquant'anni dall'uscita, riascoltiamo Mia Martini in "Minuetto" (Baldan Bembo-Califano), dalla scrittura musicale e testuale potente e evocativa.

Sigle di anime e altre musiche: ricordi di chi è (stato) bambino sul serio
Popular music, Sigle dei cartoni animati,

Sigle di anime e altre musiche: ricordi di chi è (stato) bambino sul serio

Ilaria Barontini

15/11/2022 19:02

Tra la seconda parte degli anni '70 e la metà degli '80 ce li chiamavano ancora "cartoni animati". Ma c'era di mezzo il computer (in modi d'epoca! Olt

A cena sulle stelle con Piero Ciampi
Popular music, Musica e poesia, Storia della canzone italiana, Piero Ciampi,

A cena sulle stelle con Piero Ciampi

Ilaria Barontini

29/06/2022 15:05

"Prima o poi inciampi in Ciampi", come pare abbia detto Paolo Conte. Un inciampo felice anche quando i contenuti dei brani sono tragici come in "Sporca estate".

L’essenzialità come poetica di contrasti ne “La Courte Paille” di Francis Poulenc
Novecento, Musica della contemporaneità, Novecento francese, Francis Poulenc,

L’essenzialità come poetica di contrasti ne “La Courte Paille” di Francis Poulenc

Caterina Barontini

13/04/2022 14:53

Dall'ascolto de "La Courte Paille" scopriamo che la sensibilità di Poulenc vibra nel contrasto tra stravaganza e malinconia. Antitesi che si risolve nell’anima.

Pasolini e il “dolce ardore” della musica
Novecento, Musica e poesia, Musica e letteratura, Pier Paolo Pasolini, Musica e cinema,

Pasolini e il “dolce ardore” della musica

Albarosa Lenzi

07/03/2022 21:11

Un ricordo di Pasolini con il focus sul suo amore per la musica, raccontato dai suoi scritti, dalle colonne sonore dei suoi film e dai suoi testi di canzoni.

“Virale”: una canzone attuale
Popular music, Storia della canzone italiana, Sanremo, Matteo Romano,

“Virale”: una canzone attuale

Ilaria Barontini

13/02/2022 16:29

Un'analisi di Virale, cantata da Matteo Romano al 72° Festival di Sanremo, che tratta un argomento chiave del nostro tempo: la dipendenza da relazioni virtuali.

Mahmood e il colore dei soldi
Popular music, Storia della canzone italiana, Sanremo, Eurovision Song Contest, Mahmood,

Mahmood e il colore dei soldi

Ilaria Barontini

29/01/2022 17:48

Mahmood in "Soldi" rimarca la negatività alienante dell'ossessione per i beni materiali, con stile e forma ibridi e con l'ampia gamma espressiva della sua voce.

Bruno Maderna e il mistero della morte
Novecento, Musica della contemporaneità, Avanguardie musicali, Novecento italiano, Bruno Maderna,

Bruno Maderna e il mistero della morte

Caterina Barontini

22/01/2022 16:56

Composizione n. 2 di Maderna è una riflessione contemporanea sul mistero della morte che scaturisce dalla rielaborazione dell'Epitaffio di Sicilo.

Mario Castelnuovo-Tedesco. Quando la musica diventa poesia
Novecento, Musica della contemporaneità, Musica e poesia, Musica e letteratura, Novecento italiano, Mario Castelnuovo-Tedesco,

Mario Castelnuovo-Tedesco. Quando la musica diventa poesia

Caterina Barontini

31/12/2021 15:18

L'itinerario creativo di Mario Castelnuovo-Tedesco dà voce ad un umanesimo moderno che si radica nell'affinità spirituale con letterati e poeti tra cui Dante.

Novecento, Ottorino Respighi, Generazione della svolta, Novecento italiano,

Visioni dell’arte musicale dalla “generazione della svolta”. Respighi

Caterina Barontini

13/11/2021 14:48

All'interno della “generazione dell’Ottanta", Respighi mira a coniugare la ricerca di nuovi colori orchestrali alla riscoperta di valori musicali del passato...

La canzone italiana degli anni Sessanta tra strade già percorse e nuove possibilità espressive: riflessioni sul troncamento vocalico
Novecento, Popular music, Storia della canzone italiana,

La canzone italiana degli anni Sessanta tra strade già percorse e nuove possibilità espressive: riflessioni

Ilaria Barontini

03/10/2021 15:50

Il troncamento vocalico è un elemento rilevante nel rapporto tra testo e musica; ecco perché la sua scomparsa ha aperto nuove strade alla canzone italiana.

Dutilleux. Forgiare suoni con lo slancio di un sogno
Novecento, Musica della contemporaneità, Tempo e musica, Novecento francese, Henri Dutilleux,

Dutilleux. Forgiare suoni con lo slancio di un sogno

Caterina Barontini

26/07/2021 20:03

Ultimo depositario del Novecento francese, è il padre di una musica astratta imbevuta della visionarietà di chi cerca una simbiosi tra musica, arte e cultura.

Il sax di Pedro Iturralde: una voce per unire i popoli
Novecento, Musica della contemporaneità, Sax, Pedro Iturralde, Compositori spagnoli,

Il sax di Pedro Iturralde: una voce per unire i popoli

Caterina Barontini

22/04/2021 12:59

Ascoltando Iturralde percepiamo il suo desiderio e bisogno di fare musica per unire culture e tradizioni, sempre in sintonia profonda con il timbro del sax.

Alexander Arutiunian. Dalle radici armene, l'universale in musica
Novecento, Musica della contemporaneità, Alexander Arutiunian, Compositori armeni,

Alexander Arutiunian. Dalle radici armene, l'universale in musica

Caterina Barontini

14/03/2021 16:41

La musica di Alexander Arutiunian (1920-2012) fonde il patrimonio armeno, colto e popolare, con la tradizione romantica russa di Tchaikovsky e Rimsky-Korsakov.

Marcel Bitsch tra sogno e ironia
Novecento, Musica della contemporaneità, Marcel Bitsch, Novecento francese,

Marcel Bitsch tra sogno e ironia

Caterina Barontini

07/03/2021 14:11

Marcel Bitsch (1921-2011) dà una voce contemporanea ai paradossi dell'esistenza con una sensibilità originale che si ispira a Bach, ai romantici e a Stravinsky.

Mango. Dalla voce in poi
Popular music, Pino Mango, Storia della canzone italiana,

Mango. Dalla voce in poi

Ilaria Barontini

28/02/2021 14:39

Raffinatezza + spontaneità = innovazione. Equazione che ritroviamo nella voce di Mango, nell'album "Adesso", in "Dal cuore in poi": uno zoom appassionato.

Musica della contemporaneità, Tango, Folclore argentino, Opera lirica,

Tango all'Opera

Albarosa Lenzi

07/02/2021 13:42

"Tango all'Opera" di Roberto Molinelli, nuova release ora online, è la fusione creativa dell'opera lirica e del folclore argentino. Anna Serova e i Tango Sonos!

Intorno ai messaggi di Schubert
Ottocento, Romanticismo, Franz Schubert, Liederistica,

Intorno ai messaggi di Schubert

Caterina Barontini

31/01/2021 14:16

La musica di Schubert è specchio di un pensiero limpido e incisivo che nei Lieder sgorga spontaneamente dalla parola e nella musica strumentale è poesia sonora.

Il direttore per antonomasia: Arturo Toscanini
Tra Otto e Novecento, Direzione d'orchestra, Arturo Toscanini,

Il direttore per antonomasia: Arturo Toscanini

Caterina Barontini

16/01/2021 22:10

Direttore d'orchestra? Per essere al servizio della partitura. Alcune note su questa figura professionale, ricordando Toscanini nell'anniversario della morte.

“Lei verrà” e “Mia madre”: riflessioni sulle musiche di Mango con le parole di Alberto Salerno
Popular music, Pino Mango, Alberto Salerno, Storia della canzone italiana,

“Lei verrà” e “Mia madre”: riflessioni sulle musiche di Mango con le parole di Alberto Salerno

Ilaria Barontini

09/01/2021 16:12

La collaborazione tra Alberto Salerno e il grande cantautore Mango ha dato alla luce canzoni di una bellezza fuori dal tempo, come “Lei verrà” e “Mia madre”.

Preludio programmatico

di Caterina Barontini – 22/11/2020

Diamo la parola alla musica! In tutti i sensi: vogliamo che questo blog sia uno spazio di ascolto musicale e allo stesso tempo di esplorazione guidata dentro la musica, per aiutare chiunque passi di qua a captare i messaggi nascosti "fra i righi" del pentagramma. Perché questo spazio? Perché la musica ha bisogno di parole, oggi più che mai, per poterci parlare con tutta la sua forza?